Le strategie vincenti per essere costanti

La nuova stagione inizia con tanti buoni propositi, uno di questi è sicuramente ritrovare la forma oppure condurre una vita sana introducendo un po’ di movimento fisico nelle proprie giornate.

Tra qualche mese, ai precedenti buoni propositi, ci si sentirà “in dovere” di iniziare a muoversi per prepararsi alla così detta “prova costume”.

Ma quante volte avete iniziato a frequentare una palestra o un corso fitness abbandonando tutto dopo qualche mese?

Si ripongono nell’esercizio fisico tante aspettative, quasi fosse una medicina capace di realizzare i propri desideri, ma se l’attività fisica fosse una medicina, non sarebbe di certo un antibiotico: non è sufficiente una settimana di somministrazione per avere risultati miracolosi. Ci vuole pazienza, dedizione e costanza, la si potrebbe paragonare più ad un rimedio naturale.

Per godere di tutti i fantastici benefici psico-fisici che l’attività fisica può offrire bisogna esercitarsi con regolarità, di seguito vi darò alcuni consigli per riuscire ad essere costanti.

L’IMPORTANZA DELLE SCELTE.

Per la buona riuscita dell’attività, è fondamentale che le prime scelte siano corrette.

Innanzitutto la scelta della PALESTRA.

La palestra deve essere “comoda”, sarebbe ideale che fosse ubicata sul tragitto casa – lavoro così che l’andare in palestra sia “di strada”.

Di capitale importanza è poi la scelta dell’ATTIVITA’ DA SVOLGERE.

Scegliete qualcosa che vi piaccia veramente, non fatevi trascinare da mode o da passioni di amiche: acquagym, acquabike ecc. sono magnifiche e divertenti attività, ma se non siete amanti dell’acqua o della piscina saranno certamente da scartare.

Se la vostra amica vuole fare un corso di step e voi condividete la voglia di muovervi e di stare in compagnia ma non quella di frequentare tale corso, bè, se proprio volete, iscrivetevi alla stessa palestra, ma cercate un corso che vi piaccia veramente, lì troverete altre amiche e starete comunque in compagnia.

Un ulteriore consiglio: se sapete di essere poco costanti, vietata l’iscrizione per frequentare la sala pesi: dopo poco vi stancherete e abbandonerete, iscrivetevi invece ad un corso collettivo, l’istruttore saprà tener viva la vostra attenzione variando gli esercizi e motivarvi mentre le vostre compagne vi stimoleranno a frequentare con costanza le lezioni.

State attente agli ORARI: scegliete quelli più comodi rispetto alla vostra routine quotidiana. MAI andare a casa dopo una giornata di lavoro per poi uscire nuovamente per andare in palestra: sarebbe un’assenza assicurata.

LA FREQUENZA.

L’attività fisica, se vogliamo riprendere la metafora iniziale, è come una medicina naturale, si vedono i benefici con il passare del tempo e la costanza.

Per eliminare la ritenzione idrica a nulla serve assumere un flacone di gocce di betulla tutto in una volta, se non – probabilmente – a farvi venire un tremendo male alla pancia!

Stesso discorso per l’attività fisica: inutile passare quattro ore in palestra al giorno, è sufficiente una fatta bene, infatti se trascorro molto tempo in palestra prima di tutto dopo la seconda ora la noia inizierà a dilagare, in secondo luogo la volta dopo, essendomi annoiata nella sessione precedente, con tutta probabilità salterò l’appuntamento dicendo “eh! Ma l’altra volta ho fatto quattro ore ore!”… e il saltare diventa facilmente un vizio!

Infine non è la quantità di tempo trascorso in palestra, ma la qualità del lavoro svolto che da i risultati, quindi meglio un’ora tre volte a settimana fatta bene, impegnandosi e sudando le fatidiche sette camicie piuttosto che tre ore una volta a settimana.

Non fatevi prendere dalla foga dell’inizio, non recatevi in palestra tutti i giorni, fare attività fisica deve essere uno svago, un divertimento, un piacevole appuntamento, non un obbligo, non un lavoro, non una costrizione.

Fino a quando frequentare il corso? Andando contro il mio interesse (come sapete sono istruttrice fitness), vi invito a non frequentare la palestra in estate perché dovete staccare, dovete andare in ferie dal vostro corso per arrivare a settembre con tutta la voglia di riprendere, di rivedere il vostro istruttore e le vostre compagne. Durante la pausa estiva continuate a muovervi, sempre con le medesime scadenze (tre volte a settimana), ma all’aria aperta: passeggiate, corse, gite in bici, una nuotata e perché no, anche delle sessioni di boot camp, godetevi il sole e l’estate!

In ultimo: capiterà sicuramente un giorno in cui non avrete voglia di andare perché sarete pigre. NON CEDETE ALLA PIGRIZIA. Pensate che “è solo 1 oretta” passerà velocemente. Vedrete che finita la lezione sarete soddisfatte di essere andate. Iniziare a saltare lezioni “perché non si ha voglia”, fa si che la pigrizia prenda il sopravvento e che da tre lezioni a settimana, si passi a due, poi ad una ed infine non si vada più.

Una volta fatte le scelte: palestra, corso, orario e frequenza, bisogna tirare una riga in agenda e far diventare le lezioni un appuntamento al quale non si può mancare – salvo casi eccezionali -.

Seguendo queste semplici regole riuscirete ad iniziare un corso e seguirlo con costanza fino a giugno per poi riprendere a settembre più in forma che mai!!!